Syringa x laciniata

 Descrizione

Ibrido tra Syringa protolaciniata e Syringa vulgaris, è un delizioso arbusto spogliante di taglia media (alto e largo intorno ai 2 metri) e, per il portamento aggraziato e l’abbondante e profumatissima fioritura dovrebbe trovare posto in ogni giardino.

Le sue origini sono antiche e oscure (probabilmente un incrocio “spontaneo” nel sudovest asiatico) e fu introdotto in Europa dalla Turchia nel diciassettesimo secolo; le scarsissime notizie riguardo alle origini e la somiglianza con Syringa protolaciniata (a sua volta conosciuta anche come Syringa afghanica) hanno spesso generato confusioni nella nomenclatura e nell’attribuzione, e ora questo ibrido ha un posto a sé nel genere di appartenenza.

La Syringa x laciniata può avere foglie intere e variamente pinnate (da tre a nove lobi) sullo stesso ramo, di dimensioni medio-piccole, e in primavera si copre di fiori color malva dal profumo intenso e caratteristico, riuniti in pannocchie terminali morbidamente arcuate.

Coltivazione

La Syringa x laciniata è una pianta facile, di scarse esigenze, adatta ad ogni terreno ben drenato, in pieno sole o mezz’ombra. Poiché fiorisce sui rami dell’anno precedente è bene potare, se necessario, subito dopo la fioritura. Rustica sino a -25 °C. 

Foto Gallery

Per le foto e i testi si ringrazia Rosanna Castrini

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Oleaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Lantana sellowiana

 Descrizione Originaria delle zone tropicali del centro America, la Lantana sellowiana è un arbusto sempreverde, dal portamento semi-prostrato, che da adulta raggiunge al massimo i 20-30 cm di altezza fino […]

Forsythia

 Descrizione Immancabile in giardino per la precocità di fioritura, quando ancora quasi tutti gli altri arbusti devono risvegliarsi dal torpore invernale. Inoltre sono arbusti che non mancano mai di stupire […]

Physocarpus

 Descrizione Arbusti dal portamento eretto e abbastanza compatto, che da maturi possono diventare globosi. Le foglie sono simili a quelle del ribes: caduche, ovali, trilobate. In Physocarpus opolifolius ´Diabolo´, le […]