Alchemilla

 Descrizione

Pare che il nome Alchemilla derivi dalla parola “alchimista”, ovvero colui che all’origine della medicina usava prelevare di buon mattino la rugiada depositata sulle foglie di questa interessante erbacea allo scopo di farne pozioni magiche (la rugiada aveva il significato di energia pura proveniente dallo spazio, acqua che si depositava in apparente mancanza di fenomeni evidenti, quindi “magica”). Anche volgarmente c’è un richiamo forte alla magia, e viene chiamata “erba stella”.

L’aspetto dell´Alchemilla è cespitoso, allargato. La foglia è formata da 9-11 lobi, dentata, verde tenero, appena tomentosa al tatto, con la onnipresente “goccia di rugiada” nel bel mezzo, un aspetto decorativo (oltre che magico) da non sottovalutare.

I fiori sono piccoli e stellati, giallo paglierino o più intensi nelle varietà selezionate, sono riuniti in infiorescenze ramificate e sbocciano, simili a nuvole vaporose, a fine primavera inizio estate.

 Principali specie di Alchemilla

Alchemilla alpina, ideale pianta da bordura o da giardino roccioso, presenta foglie palmato-composte e piccoli fiori estivi, riuniti in corimbi di color verde-giallastro; l´altezza massima è di 15-20 cm.
Alchemilla mollis (foto), con foglie palmate e tomentose dai margini dentati e fiori stellati riuniti in corimbi di color giallo-verde.
Alchemilla vulgaris, riclassificata dai botanici come Alchemilla xanthochlora, con foglie verde-bluastro e fiori piccoli e numerosi di color giallo-verde che fioriscono dalla tarda primavera fino a inizio autunno. Molto particolare il nome comune inglese: Lady´s Mantle, ovvero il mantello della Vergine Maria.

 Coltivazione Alchemilla

Si coltivano facilmente in ogni terreno fertile e fresco (un po’ umido), anche se sopportano bene e per lungo tempo condizioni più siccitose. Le Alchemilla amano il sole, ma vegetano abbastanza bene anche in mezz’ombra.

Sono perenni che onorano la categoria a cui appartengono perché la loro durata può essere veramente di tutto rispetto. Sono utilizzate per lo più come copri suolo, disponendone almeno una ogni 30-40 cm. Utili anche per formare macchie di 5-7 piante nella parte anteriore di mixed-border dall’aspetto molto country.

La loro robustezza le fa preferire ogni volta che c’è rischio di calpestarle, quindi vanno benissimo accanto a panche o scale o direttamente sulle inghiaiate.

Concimare in autunno e primavera con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione. Irrigare moderatamente in piena estate.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Rosaceae
Fiori:
Piccoli e stellati, giallo paglierino
Dimensioni:
Non superano i 25-30 cm
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Appena tomentosa al tatto, con la onnipresente “goccia di rugiadaâ€? nel bel mezzo
Esposizione:
Sole o mezz'ombra
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Era l'erba degli Alchimisti a cui attribuivano capacità magiche
Schede Correlate

Androsace

 Descrizione Tra le più belle erbacee a cuscino per il giardino roccioso, le Androsace sono apprezzate perlopiù da collezionisti e amanti del genere, meriterebbero sicuramente più attenzione. Dette anche “Gelsomini […]

Geum

 Descrizione L’habitat delle migliori specie ornamentali è il prato umido e le rive dei fossi della Turchia e dei Balcani, mentre la specie Geum rivale (o benedettina) è tipica di […]

Brunnera

 Descrizione Genere di erbacce appartenenti alla famiglia delle Boraginaceae sono originarie del Caucaso e della Siberia. La specie più conosciuta è Brunnera macrophylla, detta anche myosotis del caucaso, una erbacea dal […]