Kniphofia

 Descrizione

Genere originario del Sud Africa, le cui specie hanno portamento eretto e cespitoso. Le foglie sono coriacee, lineari, molto lunghe e flessuose con margini spesso taglienti (attenzione!), il colore è verde scuro o glauco azzurrognolo. All’inizio dell’estate sviluppano lunghi steli carnosi, eretti e robusti, che portano strette spighe apicali, più o meno slanciate formate da innumerevoli piccoli fiori tubulari con colori variabili dal giallo all’arancio corallo, a seconda della specie e varietà. L’altezza massima è di 120 cm e in commercio sono reperibili quasi esclusivamente le Kniphofia ibride, selezionate per l’intensità e l’abbondanza delle fioriture, nonché per la durata.

 Altre specie

Kniphofia uvaria, con strette foglie nastriformi e fiori che sbocciano rossi, per diventare in seguito gialli. Altezza massima 80-120 cm.
Kniphofia caulescens, erbacea perenne con robusti steli, foglie grigio-verdi e fiori dal giallo pallido al rosso corallo.
Kniphofia rooperi, sempreverde con foglie verde chiaro e splendidi fiori arancione.
Kniphofia ritualis, con fiori che sfumano dal verde acido fino al color vermiglio della sommità. Di lunga fioritura.
Kniphofia albescens, con steli robusti e molto lunghi che portano fiori dal bianco al verde pallido.
Kniphofia citrina, con fiori inizialmente giallo pallido che diventano in seguito gialli ed in seguito giallo-verdastri.
Kniphofia multiflora, specie molto rara con lunghi steli cilindrici e fiori giallo-arancio.
Kniphofia sarmentosa, anch´essa molto rara, presenta foglie di color verde-bluastro e infiorescenze dapprima rosso corallo, gialle in seguito.

 Coltivazione

Amano il sole e le posizioni calde in terreni fertili, ben drenati, ma con buona disponibilità di acqua soprattutto nel periodo vegetativo. Sono erbacee ideali per formare ampie macchie nei bordi misti di campagna, ma risultano particolarmente attraenti accanto agli specchi d’acqua. In primavera concimare con fertilizzante organico, come compost o letame disidratato in polvere e irrigare in abbondanza nel periodo che  precede la fioritura. Al termine della fioritura è bene recidere gli steli sfioriti alla base. Nei luoghi freddi si consiglia di addossare alle piante paglia o foglie secche.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Asphodelaceae
Fiori:
Spighe apicali, più o meno slanciate formate da innumerevoli piccoli fiori tubulari
Dimensioni:
Irrigazione:
In estate o durante periodi siccitosi
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Coriacee, lineari, molto lunghe e flessuose con margini spesso taglienti
Esposizione:
Sole
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertili o poveri, molto ben drenati, anche sassosi
Potatura:
Al termine dell’inverno recidere almeno metà o i 2/3 della pianta
Curiosità:
Schede Correlate

Brunnera

 Descrizione Genere di erbacce appartenenti alla famiglia delle Boraginaceae sono originarie del Caucaso e della Siberia. La specie più conosciuta è Brunnera macrophylla, detta anche myosotis del caucaso, una erbacea dal […]

Solidago

 Descrizione Genere di erbacee dal portamento cespitoso, eretto, solitamente molto vigorose, ancora poco conosciute e utilizzate; meriterebbero molta più attenzione per le indubbie qualità di piante tuttofare. Hanno anche il […]

Morina

 Descrizione Erbacee interessanti, che meriterebbero più ampia diffusione per l’aspetto curioso del fogliame, ampiamente dotato di spine e disposto in ampia rosette. La foglia è aromatica di color verde brillante. […]