Lippia citriodora (Verbena odorosa – Cedrina)

 Descrizione

Sono molti i nomi popolari della Lippia citriodora, (Verbena odorosa, Cedrina, Erba Luigia, Limonaria), con cui è identificata questa pianta e a quanto pare, ogni regione d’Italia ne ha uno.

E’ facilmente riconoscibile per il portamento arbustivo eretto (h max 140 cm), legnoso con foglie lanceolate verde chiaro con picciolo corto e fortemente aromatiche di limone. I fiori sono bianchi o rosa pallido, piccoli e riuniti in infiorescenze apicali a forma di pannocchia, anch’essi profumati di limone.

Si utilizza prevalentemente per aromatizzare tisane, bevande e dolci o rientra nella preparazione di liquori d’erbe, il famoso il liquore di cedrina.

Un utilizzo meno diffuso è quello di farne dei sacchetti profumati di foglie essiccate da disporre tra la biancheria. Le proprietà della cedrina sono: aromatiche, aperitive, digestive, stimolanti e diuretiche.

 Coltivazione

La tecnica riproduttiva più utilizzata è la talea, che si preleva in luglio agosto da piante vigorose e sane. Le talee vengono poste in cassette di torba mista a sabbia e mantenute umide fino alla radicazione.

Nella primavera successiva le piante si pongono a dimora in terreno fertile e soleggiato, evitando le posizioni battute dai venti o poco protette, soprattutto al nord Italia, oppure trapiantando nell’orto le piantine già formate e prodotte dai vivai, come quelli elencati in questa pagina.

Ricordarsi di non far mai mancare una corretta irrigazione, così come regolari concimazioni con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione (attenzione all’azoto…meglio se poco).

La raccolta si effettua prima della fioritura lasciando essiccare le foglie su telai in ambiente areato, caldo e buio. In questo modo si ottiene un prodotto ben essiccato e pronto alla conservazione in sacchetti di carta o cotone, o in barattoli, al riparo dall’umidità.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Verbenaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Tanacetum balsamita

 Descrizione Il suffisso balsamita deriva dal greco e vuol dire fiore d’oro che profuma di balsamo. Si riconosce per il fogliame allungato e largo, lievemente seghettato ai margini, verde chiaro, […]

Ruta graveolens

 Descrizione Si tratta di un suffrutice che in natura non supera mai il metro di altezza. E’ riconoscibile per le piccole foglie di colore verde glauco, alterne, pennato-composte, molto aromatiche […]

Crocus sativus

 Descrizione Il nome deriva dal greco Kròcos, ovvero trama di tessuto per la forma degli stimmi. Più comunemente viene utilizzato il nome volgare Zafferano. Si riconosce per le foglie lineari, […]