Lippia citriodora (Verbena odorosa – Cedrina)

 Descrizione

Sono molti i nomi popolari della Lippia citriodora, (Verbena odorosa, Cedrina, Erba Luigia, Limonaria), con cui è identificata questa pianta e a quanto pare, ogni regione d’Italia ne ha uno.

E’ facilmente riconoscibile per il portamento arbustivo eretto (h max 140 cm), legnoso con foglie lanceolate verde chiaro con picciolo corto e fortemente aromatiche di limone. I fiori sono bianchi o rosa pallido, piccoli e riuniti in infiorescenze apicali a forma di pannocchia, anch’essi profumati di limone.

Si utilizza prevalentemente per aromatizzare tisane, bevande e dolci o rientra nella preparazione di liquori d’erbe, il famoso il liquore di cedrina.

Un utilizzo meno diffuso è quello di farne dei sacchetti profumati di foglie essiccate da disporre tra la biancheria. Le proprietà della cedrina sono: aromatiche, aperitive, digestive, stimolanti e diuretiche.

 Coltivazione

La tecnica riproduttiva più utilizzata è la talea, che si preleva in luglio agosto da piante vigorose e sane. Le talee vengono poste in cassette di torba mista a sabbia e mantenute umide fino alla radicazione.

Nella primavera successiva le piante si pongono a dimora in terreno fertile e soleggiato, evitando le posizioni battute dai venti o poco protette, soprattutto al nord Italia, oppure trapiantando nell’orto le piantine già formate e prodotte dai vivai, come quelli elencati in questa pagina.

Ricordarsi di non far mai mancare una corretta irrigazione, così come regolari concimazioni con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione (attenzione all’azoto…meglio se poco).

La raccolta si effettua prima della fioritura lasciando essiccare le foglie su telai in ambiente areato, caldo e buio. In questo modo si ottiene un prodotto ben essiccato e pronto alla conservazione in sacchetti di carta o cotone, o in barattoli, al riparo dall’umidità.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Verbenaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Anethum graveolens

 Descrizione Il nome Anethum graveolens, deriva dal greco e significa “foglie spettinate e profumate”. La pianta assomiglia molto al finocchio, sia nel fogliame sottile e diviso in lacinie, sia nei […]

Ruta graveolens

 Descrizione Si tratta di un suffrutice che in natura non supera mai il metro di altezza. E’ riconoscibile per le piccole foglie di colore verde glauco, alterne, pennato-composte, molto aromatiche […]

Artemisia absinthium

 Descrizione Pianta erbacea perenne, l´assenzio si riconosce per le foglie profondamente incise, tomentose, cineree, con riflessi argentati. I fiori sono piccoli, gialli e riuniti in infiorescenze rade, sbocciano in estate. […]