Melissa officinalis (Melissa)

 Descrizione

Il termine deriva dal greco Mèlissa, cioè ape o piante preferite dalle api. Volgarmente viene chiamata erba di limone o limoncina, erba cedrata, erba bergamotto, cedronella ecc. Il perché è presto detto: tutta la pianta profuma intensamente di limone, ma soprattutto le foglie, che sono ricche di ghiandole oleifere che sprigionano l’ottimo aroma.

Le foglie sono ellittiche, picciolate, opposte, reticolate e rugose, verde brillanti. I fusti sono ramosi fin dalla base, pubescenti, alti 70-80 cm. I fiori sono piccoli, biancastri, riuniti in gruppi di 6-8 all’ascella delle foglie.

La foglia essiccata di melissa è utilizzata soprattutto in erboristeria come antispasmodico, calmante, cicatrizzante, digestivo, sedativo, stimolante e tonico.

In cucina trovano impiego le foglie fresche, nella preparazione di insalate, salse, carni, pesce e liquori.

 Coltivazione

La specie è perenne e rustica. ama i terreni fertili e ben drenati, ma si adatta anche alla mezz’ombra. La coltura si effettua in primavera o autunno trapiantando le plantule prodotte in vivaio in alveolato. Il sesto d’impianto è di 30 cm sulla fila e 60-70 tra le file, in pacciamatura di agritela. Dopo ogni taglio si consiglia una irrigazione. La specie è suscettibile alla ruggine. La raccolta avviene fin dal primo anno falciando a 10-15 cm dalla base l’intera pianta che viene immediatamente essiccata. Successivamente si opera la divisione delle foglie dai gambi. La coltura dura anche 5-6 anni se non soffre la mancanza di acqua. Il taglio si effettua due tre volte per stagione; solo una il primo anno.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Lamiaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Allium schoenoprasum

 Descrizione Pianta robusta con poche esigenze, resiste bene nei climi freddi del Nord e si riconosce facilmente per le foglie numerose sottili e cilindriche, che ricrescono dopo il taglio. I […]

Laurus nobilis

 Descrizione Pare che il nome provenga dal celtico “Lawr”, cioè molto verde o sempreverde. E’ facilmente riconoscibile per essere un arbusto vigoroso (può superare i 10 mt di altezza) dal […]

Myrtus communis

 Descrizione Arbusto cespuglioso il cui nome deriva dalla parola greca Myrsine, un’indomabile giovane donna abile nella ginnastica e trasformata dagli Dei in albero. Albero sacro dedicato a Venere che incoronava […]