Melissa officinalis (Melissa)

 Descrizione

Il termine deriva dal greco Mèlissa, cioè ape o piante preferite dalle api. Volgarmente viene chiamata erba di limone o limoncina, erba cedrata, erba bergamotto, cedronella ecc. Il perché è presto detto: tutta la pianta profuma intensamente di limone, ma soprattutto le foglie, che sono ricche di ghiandole oleifere che sprigionano l’ottimo aroma.

Le foglie sono ellittiche, picciolate, opposte, reticolate e rugose, verde brillanti. I fusti sono ramosi fin dalla base, pubescenti, alti 70-80 cm. I fiori sono piccoli, biancastri, riuniti in gruppi di 6-8 all’ascella delle foglie.

La foglia essiccata di melissa è utilizzata soprattutto in erboristeria come antispasmodico, calmante, cicatrizzante, digestivo, sedativo, stimolante e tonico.

In cucina trovano impiego le foglie fresche, nella preparazione di insalate, salse, carni, pesce e liquori.

 Coltivazione

La specie è perenne e rustica. ama i terreni fertili e ben drenati, ma si adatta anche alla mezz’ombra. La coltura si effettua in primavera o autunno trapiantando le plantule prodotte in vivaio in alveolato. Il sesto d’impianto è di 30 cm sulla fila e 60-70 tra le file, in pacciamatura di agritela. Dopo ogni taglio si consiglia una irrigazione. La specie è suscettibile alla ruggine. La raccolta avviene fin dal primo anno falciando a 10-15 cm dalla base l’intera pianta che viene immediatamente essiccata. Successivamente si opera la divisione delle foglie dai gambi. La coltura dura anche 5-6 anni se non soffre la mancanza di acqua. Il taglio si effettua due tre volte per stagione; solo una il primo anno.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Lamiaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Tanacetum balsamita

 Descrizione Il suffisso balsamita deriva dal greco e vuol dire fiore d’oro che profuma di balsamo. Si riconosce per il fogliame allungato e largo, lievemente seghettato ai margini, verde chiaro, […]

Crocus sativus

 Descrizione Il nome deriva dal greco Kròcos, ovvero trama di tessuto per la forma degli stimmi. Più comunemente viene utilizzato il nome volgare Zafferano. Si riconosce per le foglie lineari, […]

Juniperus communis

 Descrizione Probabilmente il nome deriva dal celtico Juneprus oppure dal latino Junior Pario cioè generante giovani. Si tratta di un arbusto cespuglioso e facilmente riconoscibile per il fusto molto ramificato, […]