Origanum vulgare (Origano)

 Descrizione

Pianta perenne semi legnosa dal portamento compatto con una altezza che raramente supera i 60 cm. Vegeta naturalmente in aree a pascolo o nei prati radi di collina e montagna, preferibilmente in zone rocciose e su terreni calcarei, non in alta quota. Le foglie sono ovate (cioè a forma di uovo) lunghe 4 cm circa e larghe 2,5 cm circa, negli esemplari meglio sviluppati, altrimenti rimangono più piccole. Il bordo è generalmente liscio o appena dentellato. Le infiorescenze sono composte da molti fiori riuniti sulle punte terminali. Il colore varia dal bianco al violaceo e rappresentano la parte più aromatica dell’intera pianta. Sono infatti i rami fioriti che vengono raccolti a maturità e poi appesi, in mazzi, ad essiccare in ombra. Comunque è la pianta essiccata ad essere più profumata e gustosa di quella verde o fresca. L’origano è utilizzato in numerose ricette della cucina italiana o mediterranea, soprattutto in piatti tipici come la pizza. Tutta la pianta ha odore caratteristico e forte. Le foglie monde ed essiccate sono impiegate soprattutto per aromatizzare insalate, salse, carni, pesce, verdure. Il suo abbinamento più felice è indubbiamente con il pomodoro. L’olio estratto dall’origano ha numerose proprietà e viene utilizzato in aromaterapia, in profumi, creme, shampoo ecc. Quindi ha proprietà stimolanti, antisettiche, digestive e toniche. Utile nel trattamento di raffreddori, indigestione e disturbi di stomaco. Ma attenzione ad utilizzarlo incautamente perché potrebbe provocare irritazioni sulla pelle.

 Coltivazione

L’origanum vulgare cresce senza problemi nei terreni sabbiosi o rocciosi, privi di ristagni. Ama il sole e le temperature non troppo basse d’inverno, ma comunque le piante non troppo giovani si riprendono facilmente anche dopo gelate tardive o inverni inclementi. La sua coltivazione è facile: sia facendo germinare i semi piccolissimi su un substrato di sabbia e torba fine (aspettatevi però germinazioni spesso irregolari), sia tagliando brevi talee nel periodo estivo e ponendole a radicare in terrine di terriccio mantenuto abbastanza umido (una talea che si disidrata è una talea morta…). Una volta trasferite le giovani piante in pieno campo, in giardino o nell’orto, si provveda ad irrigarle bene nel primo periodo ma diminuendo progressivamente così da ottenere piante non troppo rigogliose. Successivamente è meglio evitare di irrigare l’origano così da avere piante compatte ma molto profumate. D’inverno evitare coperture o altre protezioni e concimare non più di una volta all’anno (in primavera) con concime organico a basso tenore di azoto.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Famiglia Lamiaceae
Fiori:
infiorescenze formate da molti fiori sessili bianco rosei
Dimensioni:
raramente supera i 50 cm
Irrigazione:
di soccorso
Concimazione:
poca, in primavera
Foglie:
opposte lungo il fusto, lanceolate o ovate verde chiaro
Esposizione:
sole
Temperature:
minime continentali fino a meno 8-10 gradi
Terreno:
asciutto, sassoso, anche arido
Potatura:
si taglia alla raccolta delle infiorescenze
Curiosità:
funziona anche come repellente per le formiche
Schede Correlate

Coriandrum sativum

 Descrizione Il nome deriva dal greco “Koris”, ovvero cimice, per l’intenso odore (per alcuni sgradevole) di cimice dei suoi frutti e delle foglie. Volgarmente viene detto erba cimicina. Spesso lo […]

Myrtus communis

 Descrizione Arbusto cespuglioso il cui nome deriva dalla parola greca Myrsine, un’indomabile giovane donna abile nella ginnastica e trasformata dagli Dei in albero. Albero sacro dedicato a Venere che incoronava […]

Glycyrrhiza glabra

 Descrizione Il nome deriva dal greco Glikòs, cioè radice dolce. Si tratta di una erbacea perenne originaria dell’Europa orientale, ma in Italia è reperibile soprattutto al centro-sud in terreni argillosi […]