Origanum vulgare (Origano)

 Descrizione

Pianta perenne semi legnosa dal portamento compatto con una altezza che raramente supera i 60 cm. Vegeta naturalmente in aree a pascolo o nei prati radi di collina e montagna, preferibilmente in zone rocciose e su terreni calcarei, non in alta quota. Le foglie sono ovate (cioè a forma di uovo) lunghe 4 cm circa e larghe 2,5 cm circa, negli esemplari meglio sviluppati, altrimenti rimangono più piccole. Il bordo è generalmente liscio o appena dentellato. Le infiorescenze sono composte da molti fiori riuniti sulle punte terminali. Il colore varia dal bianco al violaceo e rappresentano la parte più aromatica dell’intera pianta. Sono infatti i rami fioriti che vengono raccolti a maturità e poi appesi, in mazzi, ad essiccare in ombra. Comunque è la pianta essiccata ad essere più profumata e gustosa di quella verde o fresca. L’origano è utilizzato in numerose ricette della cucina italiana o mediterranea, soprattutto in piatti tipici come la pizza. Tutta la pianta ha odore caratteristico e forte. Le foglie monde ed essiccate sono impiegate soprattutto per aromatizzare insalate, salse, carni, pesce, verdure. Il suo abbinamento più felice è indubbiamente con il pomodoro. L’olio estratto dall’origano ha numerose proprietà e viene utilizzato in aromaterapia, in profumi, creme, shampoo ecc. Quindi ha proprietà stimolanti, antisettiche, digestive e toniche. Utile nel trattamento di raffreddori, indigestione e disturbi di stomaco. Ma attenzione ad utilizzarlo incautamente perché potrebbe provocare irritazioni sulla pelle.

 Coltivazione

L’origanum vulgare cresce senza problemi nei terreni sabbiosi o rocciosi, privi di ristagni. Ama il sole e le temperature non troppo basse d’inverno, ma comunque le piante non troppo giovani si riprendono facilmente anche dopo gelate tardive o inverni inclementi. La sua coltivazione è facile: sia facendo germinare i semi piccolissimi su un substrato di sabbia e torba fine (aspettatevi però germinazioni spesso irregolari), sia tagliando brevi talee nel periodo estivo e ponendole a radicare in terrine di terriccio mantenuto abbastanza umido (una talea che si disidrata è una talea morta…). Una volta trasferite le giovani piante in pieno campo, in giardino o nell’orto, si provveda ad irrigarle bene nel primo periodo ma diminuendo progressivamente così da ottenere piante non troppo rigogliose. Successivamente è meglio evitare di irrigare l’origano così da avere piante compatte ma molto profumate. D’inverno evitare coperture o altre protezioni e concimare non più di una volta all’anno (in primavera) con concime organico a basso tenore di azoto.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Famiglia Lamiaceae
Fiori:
infiorescenze formate da molti fiori sessili bianco rosei
Dimensioni:
raramente supera i 50 cm
Irrigazione:
di soccorso
Concimazione:
poca, in primavera
Foglie:
opposte lungo il fusto, lanceolate o ovate verde chiaro
Esposizione:
sole
Temperature:
minime continentali fino a meno 8-10 gradi
Terreno:
asciutto, sassoso, anche arido
Potatura:
si taglia alla raccolta delle infiorescenze
Curiosità:
funziona anche come repellente per le formiche
Schede Correlate

Mentha x piperita

 Descrizione Mentha deriva dal latino mens, ovvero mente, pianta al servizio della mente e dell’intelligenza. In quasi tutte le regioni si fa poca distinzione tra le singole specie, al più […]

Armoracia rusticana

 Descrizione Il rafano conosciuto anche come cren, si riconosce per il fusto eretto e cavo, per le foglie grandi con picciolo breve e per i fiori piccoli a quattro petali. […]

Origanum majorana

 Descrizione Conosciuta anche come Majorana hortensis, ma ancor più semplicemente come Maggiorana, eccovi una delle più interessanti e gustose aromatiche da cucina. Il gusto la rende un complemento ideale per […]