Salvia sclarea (Sclarea)

 Descrizione

Erbacea perenne diffusa su tutto il territorio nazionale ma in modo discontinuo e non in tutti gli ambienti. Preferisce esposizioni soleggiate e terreno arido, vicino a rupi o in prati radi, meglio se tendenzialmente calcarei o silicei a PH neutro: non oltre i 1000 metri circa. La si riconosce per l’aspetto eretto dei fusti, a sezione quadrangolare e piuttosto ispidi di peli. Inoltre forma alla base una ampia rosetta di foglie grandi (anche 20 cm), anch’esse ispide di peli, di forma ovale, color verde scuro nella pagina superiore e grigio argenteo in quella inferiore. Nella parte superiore della pianta le foglie diventano più piccole, dentellate e con piccioli più sviluppati di quelle basali. I fiori (1,5-3 cm) sbocciano a metà o fine primavera, di colore azzurro e bianchi o lilla, con brattee ben visibili. Si sviluppano in infiorescenze o spighe ramificate in posizione terminale, composte da verticillastri di 5-8 fiori. Dalla Salvia sclarea, conosciuta anche come “erba moscatella”, si ricava un olio essenziale utilizzato in aroma terapia, per la cura del corpo o nella cosmesi. Antinfiammatoria, regolatrice del sudore, antisettica (in particolare per la pelle), anti-age (per esempio come antirughe), tonico stimolante, antispasmodica e battericida. La salvia sclarea inoltre trova impiego nella preparazione di vermuth, e liquori.

 Coltivazione

La salvia sclarea si riproduce essenzialmente da seme. In primavera si spargono i suoi semi su un substrato soffice e fertile, ricoprendoli appena. Quando si saranno sviluppate le giovani piante (6-8 foglioline) si trapiantano in vasetti con un diametro di 12-13 cm e si prosegue la coltivazione innaffiando regolarmente ed evitando gli attacchi di limacce o altri parassiti. In autunno possono essere trasferite in piena terra, in aiuola o nell’orto, in posizione arretrata rispetto ad altre piante aromatiche (vista la dimensione e l’altezza che raggiungono). Non richiedono a questo punto grandi cure, è sufficiente evitare i ristagni di acqua, ma anche la carenza in periodo siccitoso. Dopo la fioritura si possono tagliare i fusti alla base così da stimolare immediatamente nuovi getti. In questo modo si allunga un po’ la vita della pianta che altrimenti e raramente supera i due tre anni.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Lamiaceae
Fiori:
infiorescenze o spighe ramificate dal bianco al lilla
Dimensioni:
fino a 120-130 cm
Irrigazione:
poca, solo durante periodi di siccità
Concimazione:
poca, in primavera
Foglie:
grandi e ovali alla base, piccole e dentellate in alto
Esposizione:
sole
Temperature:
vegeta bene in clima continentale
Terreno:
fertile, ricco di sostanza organica. ma anche sassoso
Potatura:
tagliare i fusti a fine stagione
Curiosità:
attenzione agli attacchi di limacce e lumache
Schede Correlate

Allium sativum

 Descrizione Forse la regina delle piante aromatiche, appartiene alla famiglia delle Alliaceae, anche se alcuni botanici lo inseriscono tra le Liliaceae. Quindi uno dei principali ingredienti aromatici della cucina rientra […]

Lippia citriodora

 Descrizione Sono molti i nomi popolari della Lippia citriodora, (Verbena odorosa, Cedrina, Erba Luigia, Limonaria), con cui è identificata questa pianta e a quanto pare, ogni regione d’Italia ne ha […]

Origanum vulgare

 Descrizione Pianta perenne semi legnosa dal portamento compatto con una altezza che raramente supera i 60 cm. Vegeta naturalmente in aree a pascolo o nei prati radi di collina e […]