Echeveria setosa

 Descrizione

Appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, la Echeveria setosa forma rosette di foglie color verde chiaro/verde scuro, ricoperte di una fitta peluria, tonde o ovali, che spuntano da un gambo centrale, con le stesse caratteristiche delle foglie che mediamente, raggiunge i 30 cm di altezza.

Il portamento e tipicamente strisciante, quindi la si può coltivare sia in vaso sia come tappezzante.

I fiori, molto belli da un punto di vista ornamentale, sbocciano in primavera o in estate, su lunghi steli e sono di color rosso-arancio all´esterno e giallo-arancio all´interno.

Per la foto si ringrazia il vivaio Florservice di Verbania

 Coltivazione

Posizione ideale è porla a dimora in luoghi dove possa ricevere alcune ore di sole al giorno, preferibilmente al mattino, in modo da evitare i caldi raggi solari pomeridiani estivi. Il terreno dovrà essere composto da buon terriccio, sabbia e materiale grossolano per favorire il drenaggio e scongiurare pericolosi ristagni idrici.

Le annaffiature durante il periodo vegetativo dovranno essere effettuate ogni 3-4 settimane, avendo cura di bagnare a fondo il terreno; durante il riposo invernale, se posta in ambiente riparato con temperature comprese tra i 5-10 °C le annaffiature potranno essere sospese. Inoltre due volte l´anno, assieme all´acqua della annaffiatura, dovrà essere somministrato del concime specifico per piante grasse a basso titolo di azoto.

Al termine della fioritura i gambi che hanno portato i fiori, vanno recisi alcuni centimetri al di sopra della pianta.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Crassulaceae
Fiori:
Rosso-arancio all'esterno e giallo-arancio all'interno
Dimensioni:
Infiorescenze alte fino a 25-30 cm
Irrigazione:
Solo a terreno asciutto durante il periodo vegetativo, sporadiche nel periodo di riposo
Concimazione:
2 volte l'anno con concime specifico per piante grasse
Foglie:
Tonde o ovali e ricoperte di una fitta peluria
Esposizione:
Mezz'ombra
Temperature:
Minima invernale 5-10 °C
Terreno:
Buon terriccio, sabbia e materiale grossolano
Potatura:
Recidere i gambi che hanno portato i fiori
Curiosità:
Schede Correlate

Rhipsalis

 Descrizione Vasto genere di piante grasse appartenenti alla famiglia delle Cactaceae, la si trova allo stato selvatico praticamente in tutte le zone tropicali del pianeta. Generalmente piante epifite allo stato […]

Astrophytum myriostigma

 Descrizione Originaria degli altipiani messicani, anche oltre i 2.000 metri, la Astrophytum myriostigma appartiene alla famiglia delle Cactaceae; l´aspetto è più o meno globoso, con costolature ben marcate e areole […]

Chamaecereus silvestrii

 Descrizione Unica specie del genere Chamaecereus, appartiene alla famiglia delle Cactaceae e si presenta come dei bassi cespugli, con fusti non più lunghi di 10 cm, sulle sommità dei quali […]