Aquilegia

 Descrizione

Vasto genere di erbacee caduche abbastanza comuni per la facilità con cui si possono coltivare e la grande gamma di colori disponibili reperibili nei vivai specializzati. Il portamento è eretto, cespitoso con fiori eretti o penduli. La foglia è arrotondata con lobi profondi e stretti: verde scuro o verde grigio.

I fiori sono imbutiformi o campanulati con speroni più o meno allungati, dritti o ricurvi a seconda della specie e varietà. Le dimensioni vanno dai 2 cm ai 5-6 di larghezza. I colori sono una vera tavolozza e si va dal bianco puro e ceroso di Aquilegia flabellata ´Nana Alba´ al color cioccolato di Aquilegia viridiflora. Non mancano tutte le sfumature di rosa, blu e giallo, che negli ibridi diventano spesso bicolore.

L’altezza varia dai pochi cm di Aquilegia saximontana (10-15 cm) ai 70-80 cm di Aquilegia vulgaris ´Nora Barlow´.

 Altre specie di Aquilegia

Aquilegia alpina, con foglie grigio-verdi e fiori in varie tonalità dal bianco all´azzurro-viola. Altezza massima 30 cm.
Aquilegia caerulea, con grandi fiori blu-viola e bianchi e foglie verde chiaro, raggiunge un´altezza massima di 50-80 cm.
Aquilegia discolor, con foglie grigio-verdi e fiori bianchi e azzurri che sbocciano a giungo. Altezza massima 10-15 cm.
Aquilegia fragrans, con fiori primaverili dall´aroma simile al caprifoglio, hanno sepali giallo pallido e petali bianchi, talvolta con lievi sfumature azzurre. Altezza dai 30 ai 45 cm.
Aquilegia sibirica, con foglie trifogliate profondamente incise e fiori dal bianco all´azzurro. Altezza massima 30-70 cm.
Aquilegia yabeana, con fiori di colore blu intenso, raggiunge altezze comprese tra 30 e 45 cm.

 Coltivazione Aquilegia

Piante rustiche e di facile coltura che si adattano a molte situazioni, preferendo però le posizioni al sole o in mezz’ombra in terreno fertile e ben drenato, moderatamente umido. Sono molto adatte a formare gruppi o macchie in bordi misti insieme ad altre erbacee o arbusti da fiore, in perfetto stile country e anglosassone. Le varietà più nane trovano impiego nei giardini rocciosi o anche in vasi sul terrazzo.

Si consiglia di potare dopo la fioritura, accorciando anche di 2/3 la vegetazione, così da stimolarne una nuova vegetazione.

Concimare in autunno e primavera con fertilizzante organico o minerale a lenta cessione e pacciamare in autunno con strame fogliare o compost ben maturo.

Irrigare in abbondanza nei periodi di gran caldo o di secco prolungato.

 

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Ranunculaceae
Fiori:
Imbutiformi o campanulati con speroni più o meno allungat
Dimensioni:
Irrigazione:
Irrigare periodicamente senza creare ristagni
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Arrotondate con lobi profondi e stretti
Esposizione:
Sole o mezz´ombra
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Solo per eliminare il fogliame e i fiori deperiti
Curiosità:
Schede Correlate

Limonium

 Descrizione Le Limonium, sono un genere di erbacee dal portamento cespitoso, che nel periodo estivo producono una miriade di piccolissimi fiori violetti, riuniti in pannocchie espanse su steli sottili, ma […]

Helianthemum

 Descrizione Detti anche “Rosa di roccia”, sono piccoli suffrutici sempreverdi e semi-sempreverdi. Il portamento è spesso a cuscino basso ed espanso, anche se non mancano le specie più erette; l’altezza […]

Teucrium

 Descrizione I Teucrium sono le erbacee, che a buon diritto, potrebbero rappresentare tutte le loro compagne meno conosciute e utilizzate nei giardini. Non hanno nulla da invidiare per robustezza, portamento, […]