Chamaecereus

 Descrizione

Genere di piante grasse appartenenti alla famiglia delle Cactaceae, sono originarie delle zone pre-andine dell´Argentina ed è composto da un´unica specie: Chamaecereus silvestrii. Si presenta come dei bassi cespugli, con fusti non più lunghi di 10 cm, sulle sommità dei quali compaiono i fiori imbutiformi di color rosso o rosso-arancio. Il colore generalmente verde tende ad assumere una colorazione rossastra se molto esposto al sole.

Per la foto si ringrazia il vivaio Florservice di Verbania

 Coltivazione

Pianta di facile coltivazione, richiede un terreno povero e ben drenato; innaffiature leggere ma frequenti durante il periodo vegetativo e completamenti assenti durante il riposo invernale. Sempre durante il periodo vegetativo, concimare una volta al mese con fertilizzante a basso titolo di azoto. Per quanto riguarda l´esposizione, gradisce qualche ora al giorno di pieno sole anche in inverno.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Cactaceae
Fiori:
Imbutiformi, color rosso, rosso-arancio
Dimensioni:
Massimo 10 cm
Irrigazione:
Leggere ma frequenti durante il periodo vegetativo
Concimazione:
Una volta al mese con fertilizzante a basso titolo di azoto
Foglie:
Esposizione:
Pieno sole per qualche ora al giorno
Temperature:
Resiste a temperature prossime allo zero
Terreno:
Povero e ben drenato
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Crassula Buddhas Temple

 Descrizione Appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, la Crassula “Buddha´s Temple”, è un ibrido tra la Crassula pyramidalis and Crassula perfoliata var. minor. Pianta dall´aspetto molto particolare, forma una rosetta colonnare, […]

Gasteria

 Descrizione Genere di piante succulente originarie del Sudafrica, appartengono alla famiglia delle Asphodelaceae. Le Gasteria presentano foglie carnose, disposte a rosetta, con colori che vanno dal verde chiaro al verde […]

Opuntia

 Descrizione Genere molto vasto di Cactaceae, sono piante originarie delle zone desertiche dell´America del Sud, dove popolano sia zone a livello del mare sia zone montane, anche fino ai 3.000 […]