Cleistocactus strausii

 Descrizione

Appartenente alla famiglia delle Cactaceae, la Cleistocactus strausii è originaria della Bolivia e presenta lunghi fusti colonnari che possono raggiungere altezze comprese tra 1 e 2 metri. Le numerose costolature, come pure il colore del fusto, quasi non si notano, dato la quantità impressionante di spine, che ricoprono la pianta. Dalle numerosissime areole difatti spuntano una grande quantità di spine radiali biancastre e setose e spine centrali più scure e più lunghe. I fiori estivi e diurni, sono diritti, cilindrici e di color rosso carminio; sbocciano lungo tutto il fusto, ma in maggior numero sulla sommità.

Per la foto si ringrazia il vivaio Florservice di Verbania

 Coltivazione

Senza particolari esigenze, le Cleistocactus strausii prediligono il pieno sole, per buona parte della giornata; innaffiature leggere durante il periodo vegetativo e completamente assenti durante il “letargo” invernale. Buon terriccio e ben drenato. Da ricoverare in ambiente riparato con temperature esterne prossime ai 5-7 °C.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Cactaceae
Fiori:
Estivi, cilindrici, color rosso carminio
Dimensioni:
Comprese tra 1 e 2 metri
Irrigazione:
Leggere durante il periodo vegetativo
Concimazione:
Una volta al mese con fertilizzante specifico per piante grasse
Foglie:
Esposizione:
Pieno sole
Temperature:
Minima 5-6 °C
Terreno:
Povero e ben drenato
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Fockea

 Descrizione Genere composto da una decina di specie, appartengono alla famiglia delle Apocynaceae, e sono piante grasse originarie dell´Africa sud-occidentale. Le due specie più conosciute e che sono reperibili in […]

Euphorbia

 Descrizione Vasto genere di piante appartenenti alla famiglia delle Euphorbiaceae, sono originarie principalmente dell´Africa, ma anche delle altre zone temperate del pianeta. Il genere comprende arbusti, erbacee e anche succulente […]

Acanthocalycium

 Descrizione Cactacea originaria delle Ande Argentine, appartiene alla famiglia delle Cactaceae si presenta di aspetto rotondeggiante e globoso negli esemplari giovani, mentre assume una forma allungata negli esemplari adulti. Dal […]