Crassula rupestris

 Descrizione

Appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, la Crassula rupestris, ha un aspetto molto ramificato con fusti, che mentre in natura arrivano a misurare fino ad un metro in altezza; coltivata in vaso raggiunge altezze comprese tra i 20 e i 50 cm.

Le foglie che nascono lungo gli steli sono opposte, triangolari, leggermente concave, di color verde-glauco e sovrapposte. La fioritura avviene in estate e graziose infiorescenze profumate di svariate sfumature di rosa, compaiono sulla sommità degli steli; l´impollinazione avviene grazie agli insetti e i numerosi e microscopici semi che vengono trasportati dal vento, che si insinuano tra le fessure rocciose o sotto i cespugli; germoglieranno quando ci sarà umidità a sufficienza.

Originaria del Sudafrica, nel suo habitat naturale e in caso di estati molto calde, la clorofilla tende a ritirarsi più in profondità nel tessuto fogliare, donando una brillante tonalità rosso-giallo ai margini delle foglie.

Per la foto si ringrazia il vivaio Florservice di Verbania

 Coltivazione

La Crassula rupestris predilige terreni soffici, fertili, ben drenati e con una buona componente di sabbia e può essere posta a dimora in pieno sole per tutto l´anno, avendo cura di ombreggiarla nelle ore più calde dell´estate.

Pianta molto resistente al freddo è in grado di sopravvivere anche qualche grado sotto lo zero, anche se sarebbe meglio farla “svernare” in ambienti riparati ad una temperatura compresa tra i 5-10 °C; durante il ricovero invernale le annaffiature dovranno essere molto scarse e mirate esclusivamente a non far appassire le foglie.

Durante il periodo vegetativo invece le annaffiature dovranno essere leggere e solo quando il terreno è completamente asciutto anche da qualche giorno.

Una volta al mese concimarle con fertilizzante specifico per piante grasse.

  Altre specie del genere Crassula

 


Crassula arborescens
 
Crassula Buddha´s Temple

Crassula muscosa
 
Crassula perforata

Crassula perfoliata var falcata

Crassula tetragona
 
Crassula ovata
Caratteristiche in breve
Famiglia:
Crassulaceae
Fiori:
Color rosa, piccoli e lievemente profumati
Dimensioni:
20-50 cm di altezza
Irrigazione:
Leggere durante il periodo vegetativo
Concimazione:
Una volta al mese con fertilizzante specifico per piante grasse
Foglie:
Leggermente concave e di color verde-glauco
Esposizione:
Pieno sole e mezz'ombra d'estate
Temperature:
Resiste fino a -4 °C
Terreno:
Fertile e ben drenato
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Aloe peglerae

 Descrizione Pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Asphodelaceae, la Aloe peglerae è originaria del Sudafrica; presenta foglie arcuate, piatte, molto carnose e di color grigio-verde, che virano al rosso se […]

Echinocactus

 Descrizione Le piante succulente del genere Echinocactus, sono originarie dei deserti messicani e in parte americani, appartenenti alla famiglia delle Cactaceae. L´aspetto può essere cilindrico o globoso a seconda della […]

Adromischus cristatus

 Descrizione Originaria del Sudafrica ed appartenente alla famiglia delle Crassulaceae, la Adromischus cristatus è una succulenta nana che presenta foglie carnose lunghe 2 cm e larghe 1 cm, con le […]