Echeveria

 Descrizione

Un genere di piante della famiglia delle Crassulaceae, originarie del Messico, che vanta numerose specie coltivate a scopo ornamentale. Caratteristica comune per tutto il genere, sono le foglie carnose disposte a rosetta, generalmente ovoidali, che a seconda della specie sono verdi o grigiastre, passando per le varie tonalità di questi colori.

Le più comuni sviluppano rosette a contatto con il terreno, mentre altre, più rare, sviluppano un fusto allungato. I fiori generalmente sono rossi o rosa bordati di giallo e fioriscono in primavera ed estate, sbocciando su steli che si ergono dal centro della rosetta.

In foto Echeveria setosa (cliccando sul nome si apre la scheda relativa). Per la foto si ringrazia il vivaio Florservice di Verbania

 Principali specie

Echeveria affinis, con foglie carnose, che vanno dal verde brillante del centro fino al viola scuro. Disposte a rosetta, crescono su gambi alti 10-15 cm e producono infiorescenze rosso scarlatto, su steli (alti 20-25 cm), che nascono dal centro della rosetta.
Echeveria agavoides, con rosette di foglie appuntite, lucide, generalmente verde scuro, ma che assumo tonalità rossastre se esposte per molte ore in pieno sole. I fiori rossi, compaiono su 1-2 steli che si sviluppano in prossimità del centro della rosetta.
Echeveria colorata, con foglie lanceolate disposte a rosetta di color grigio-verdastro e con la punta spesso sfumata rosso-porpora. Esili steli portano portano piccoli fiori rosso-arancio.
Echeveria derenbergii, con rosette di foglie compatte di color verde chiaro, bordate (talvolta solo le punte) di rosso. Molto belli e appariscenti i fiori (gialli, arancioni o rossi), che sbocciano su corti steli.
Echeveria elegans, con rosette composte da foglie tondeggianti, succulente e di color verde-grigiastro, che talvota tendono ad assumere una colorazione grigio-rosata. Produce piccoli fiori gialli e rossi.
Echeveria lilacina, con rosette di foglie piatte, carnose, cuneate e con estremità appuntita, di color grigio-verde, che tendono a virare verso tonalità di colore rossastre se esposte in pieno sole. Steli lunghi 30-40 cm, portano piccoli fiori rossi.

 Coltivazione

Amanti della luce, possono essere poste a dimora anche in pieno sole per alcune ore della giornata, tranne nel periodo di maggior caldo. Perlopiù impiegate come piante d´appartamento possono vegetare all´esterno sino a temperature non inferiori ai 4-6 °C.

Per quanto riguarda l´irrigazione, bisogna evitare di bagnare direttamente le foglie, evitando assolutamente di lasciare acqua nel sottovaso e bagnare solamente quando il terreno è completamente asciutto.

Il terreno potrà essere specifico per piante grasse, andando ad aumentare la granulometria aggiungendo della sabbia o del materiale grossolano.

 

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Crassulaceae
Fiori:
Rossi o rosa bordati di giallo
Dimensioni:
Irrigazione:
Solo a terreno asciutto durante il periodo vegetativo, sporadiche nel periodo di riposo
Concimazione:
Foglie:
Carnose disposte a rosetta
Esposizione:
Richiedono molta luce
Temperature:
Ideali attorno ai 20 °C
Terreno:
Buon terriccio, sabbia e materiale grossolano
Potatura:
Curiosità:
Il nome è stato dato in onore del pittore messicano Atanasio Echeverria
Schede Correlate

Pleiospilos

 Descrizione Genere di succulente appartenenti alla famiglia delle Aizoaceae, sono piante originarie del Sudafrica. Le singole specie sono assai simili fra loro, e troviamo Pleiospilos con numerose coppie di foglie,allungate […]

Aptenia

 Descrizione Genere di piante grasse succulenti originarie del Sudafrica, appartenenti alla famiglia delle Aizoaceae, è una pianta molto utilizzata come tappezzante nei giardini rocciosi. L´Aptenia si presenta con sottili fusti […]

Aporocactus

 Descrizione Genere di piante grasse originarie dell´America centrale e meridionale appartiene alla famiglia delle Cactaceae. Tra le varie specie, la più nota e coltivata è l´Aporocactus flagelliformis chiamato anche Cactus […]