Laburnum (Maggiociondolo)

 Descrizione

Generalmente ritroviamo i maggiociondoli sotto forma di grossi arbusti, ma non mancano gli alberelli allevati per poterci sostare sotto senza problemi. Sono piante tipiche dell’ambiente collinare e montano, ma si adattano anche ai giardini di pianura, soprattutto gli ibridi e le cultivar selezionate per la lunga e bella fioritura gialla.

Ecco quindi una caratteristica che accomuna i Laburnum: i fiori, sono quelli tipici delle leguminose, ovvero papilionacei (5 petali disuguali, uno grande eretto, due laterali le ali e due inferiori detti carena), riuniti in racemi penduli a formare una pioggia cadente giallo oro in maggio. Foglie color verde tenero, sono trifogliate.

Tutto l’albero è velenoso e tutte le sue parti sono molto pericolose, in particolare i semi.

 Specie e varietà di Maggiociondolo

Laburnum alpinum, dalle foglie lucide e dalla chioma tondeggiante, è originario dell´Europa centrale e meridionale, Italia compresa.
Laburnum anagyroides (foto), con foglie lievemente tomentose di color verde scuro, fiorisce verso maggio, con fiori riuniti in racemi; il portamento è espanso.
Laburnum × watereri ´Vossi´, è un ibrido derivante dalle due specie sopra descritte e racchiude in se le caratteristiche di entrambi, con la particolarità di avere una fioritura più continuativa e racemi portanti i fiori, leggermente più lunghi.

Coltivazione

Praticamente vegeta su tutti i terreni ma i risultati migliori si ottengono in climi freschi (anche molto freddi d’inverno (-25-30 °C), con una buona esposizione soleggiata. Sopporta bene la carenza d’acqua ma sarà utile provvedere in caso di prolungata siccità.

Tutti i Maggiociondoli sono facilmente allevabili nelle più disparate forme: alberetto, a spalliera, a pergola, ecc…Infatti nei giardini anglosassoni lo si ritrova spesso a formare veri e propri tunnel alla stregua dei più comuni glicini. In alcune vallate alpine è propiziatorio di fertilità e denaro, far passare le coppie di sposi sotto un arco di maggiociondolo durante le nozze primaverili.

Foto Gallery
Laburnum alpinum
Laburnum alpinum
Gemeiner Goldregen (Laburnum anagyroides)
Laburnum anagyroides
20110611_VanDusen_LaburnumWalk_Cutler_P1130298
Laburnum × watereri ‘Vossi’
Caratteristiche in breve
Famiglia:
Papilionaceae
Fiori:
Bellissime infiorescenze allungate nelle sfumature del giallo
Dimensioni:
Fino a 5-6 mt di altezza gli esemplari più vetusti
Irrigazione:
In estate o durante periodi siccitosi
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Color verde tenero, trifogliate
Esposizione:
Sole o mezz'ombra
Temperature:
Fino a -25 °C
Terreno:
Fertili o poveri, molto ben drenati, anche sassosi
Potatura:
Solo per eliminare rami rotti o danneggiati
Curiosità:
Tutta la pianta è velenosa
Schede Correlate

Prunus Ukon

 Descrizione Prunus ‘Ukon’ (P. serrulata f. grandiflora WAGNER) (P. serrulata f. luteovirens MIYOSHI) appartiene alla folta schiera dei ciliegi giapponesi di origine orticola e, fra tutti, si distingue per la […]

Crataegus

 Descrizione I biancospini sono generalmente grossi arbusti ma occasionalmente sono reperibili nei vivai anche forme ad alberello. La particolarità dei biancospini è sicuramente la fioritura primaverile, intensa anche se breve. […]

Acer

 Descrizione Il genere comprende un vasto numero di specie sparse in tutto il mondo ma con un legame dato dalla disposizione delle foglie (fillotassi): sempre opposte (e quasi sempre palmato). […]