Clerodendrum (Clerodendro)

 Descrizione

L’unico rappresentante del genere che interessa il mondo del giardino è il Clerodendrum trichotomum (foto), arbusto deciduo dalla forma espansa o allungata, dalle foglie ovali e ampie; ma l’aspetto più interessante è dopo la loro caduta. Infatti in autunno la pianta mostra una lussureggiante produzione di bacche blu chiuse in calici rossi a stella. Persistono sui rami anche per cinque mesi, da ottobre-novembre a gennaio-febbraio.

Anche la fioritura non manca d’interesse, formata da tanti fiori riuniti in mazzetti profumati, in un periodo solitamente avaro di fiori che è la fine dell’estate.

 Principali specie e varietà di Clerodendro

Clerodendrum trichotomum var. fargesii, un arbusto molto vigoroso, dal portamento cespuglioso, dalla splendida fioritura in tarda estate con fiori bianchi stellati, ai quali seguono bacche blu, circondate da calici rosso scuro a forma di stella.

Tra le altre specie, appartenenti a questo genere, ma di più difficile reperimento presso i vivai, ricordiamo anche:
Clerodendrum bungei, con grandi infiorescenze estive di color rosa.
Clerodendrum splendens, con fiori color scarlatto.
Clerodendrum thomsoniae, dal calice color bianco puro, viene perlopiù coltivata come pianta d´appartamento o in serre tropicali.

 Coltivazione Clerodendro

Vuole terreno fertile, profondo e fresco, che non inaridisca in estate ma anche un po’ riparato dal freddo invernale. Nei luoghi dove la temperatura scende di parecchi gradi sotto zero è meglio provvedere ad una copertura del terreno con strame di foglie secche, paglia o altro pacciame organico, così da salvaguardare almeno l’apparato radicale.

In primavera, evitare di zappare sotto la chioma o accanto al fusto per non asportare i nuovi polloni, utili ad infoltire l’esemplare, quindi rimuovere la pacciamatura solo con un rastrello. In caso di rami danneggiati dal gelo si ricorre alla potatura a fine inverno.

Foto Gallery
20090930_StnlyPkFishHse_Clerodendrum_Cutler_DSC04451
Clerodendrum speciosum
Clerodendrum bungei
Caratteristiche in breve
Famiglia:
Lamiaceae
Fiori:
Mazzetti profumati di piccoli calici rosa a stella
Dimensioni:
Fino a 5-6 mt di altezza gli esemplari più vetusti
Irrigazione:
In estate o durante periodi siccitosi
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Ovali e ampie
Esposizione:
Sole e riparata dai venti freddi
Temperature:
Fino a -15 °C
Terreno:
Fertile, di medio impasto, ben drenato
Potatura:
Non necessaria, esclusivamente per eliminare rami rotti o danneggiati
Curiosità:
Schede Correlate

Potentilla

 Descrizione Un vasto genere che comprende anche piante erbacee perenni (vedi la sezione erbacee), anche se normalmente i giardinieri considerano solo le forme arbustive come valide per l’utilizzo in giardino. […]

Lonicera tatarica

 Descrizione Arbusto a foglia caduca vigoroso e frugale, con portamento da eretto ad allargato, originario delle regioni comprese tra il Caucaso e l’Altai. Introdotto in Europa nel 1752, può raggiungere […]

Photinia

 Descrizione Sempreverde dal portamento eretto e compatto, il fogliame è ovale, lucido, coriaceo e dentato. La caratteristica fondamentale sono appunto le foglie che in primavera, da giovani, presentano una intensa […]