Cotoneaster (Cotognastro)

 Descrizione

Originari quasi tutti delle aree boschive cinesi, sono un ampio genere di arbusti sia sempreverdi che decidui, molto diversificati nelle forme e dimensioni. Solitamente hanno foglie ovali, coriacee e lucide, ma alcuni producono foglie grigio verde più ampie con la pagina inferiore argentea.

Quasi tutti producono piccoli fiori primaverili a coppa chiusa o aperta, bianchi o sfumati di rosa. Da questi si sviluppano, bacche tonde e lucide (drupe), gialle, arancioni o rosse. Rimangono attaccate ai fusti a lungo, anche per tutto l’inverno dandone una interessante nota decorativa.

Le forme variano da quelle striscianti (le più conosciute) a quelle più erette alte anche fino a 5 metri.

 Principali specie di Cotoneaster

Cotoneaster dammeri (foto), con fiori bianchi e foglie lucide color verde scuro.
Cotoneaster franchetii, molto impiegato nelle realizzazione di siepi.
Cotoneaster frigidus, originario dell´Himalaya, dai frutti sferici color cremisi.
Cotoneaster horizontalis, dal portamento strisciante, presenta fiori bianco-rosati e foglie allungate color verde scuro.
Cotoneaster integerrimus, dalle foglie glabre e dai fiori rosa.
Cotoneaster lacteus, originario della Cina, presenta foglie tomentose nella pagina inferiore fiori bianco-crema.
Cotoneaster salicifolius, dai frutti tondi di un bel rosso rosso brillante e fiori bianchi.

 Coltivazione Cotoneaster

Questi arbusti sono particolarmente resistenti al freddo e sono adattabili a molti tipi di terreno. Possono stare indifferentemente all’ombra o al sole anche se danno i risultati migliori se ben esposti. Desiderano però terreni ben drenati.

Purtroppo, come altre Rosaceae, sono soggetti ad una malattia molto seria: il “fuoco batterico”, che ha falciato le specie e varietà meno resistenti. Le potature vanno effettuate in piena estate in luglio – agosto e alla fine dell’inverno per mantenere la forma compatta o per eliminare branche intricate e per stimolare la produzione di nuova vegetazione.

I Cotoneaster si adattano perfettamente alla vita in vaso tanto da essere tra le piante più utilizzate sulle terrazze. Le varietà più assurgenti sono l’ideale per formare siepi anche compatte, in giardini alpini, per la loro proverbiale resistenza al freddo.

Foto Gallery

Cotoneaster horizontalis in autunno

Cotoneaster salicifolius

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Rosaceae
Fiori:
Piccoli, bianchi o crema
Dimensioni:
Irrigazione:
Solo quando necessario e nel periodo estivo
Concimazione:
Primavera e autunno con concime organico
Foglie:
Piccole, coriacee e lucide
Esposizione:
Sole o mezz´ombra
Temperature:
Fino a -20 °C
Terreno:
Fertile e ben drenato
Potatura:
In luglio agosto per dare una forma ordinata
Curiosità:
Schede Correlate

Potentilla

 Descrizione Un vasto genere che comprende anche piante erbacee perenni (vedi la sezione erbacee), anche se normalmente i giardinieri considerano solo le forme arbustive come valide per l’utilizzo in giardino. […]

Lonicera tatarica

 Descrizione Arbusto a foglia caduca vigoroso e frugale, con portamento da eretto ad allargato, originario delle regioni comprese tra il Caucaso e l’Altai. Introdotto in Europa nel 1752, può raggiungere […]

Abutilon

 Descrizione Il genere Abutilon è composto da un centinaio di specie, generalmente arbusti ma anche erbacee o piccoli alberi. Originarie delle calde zone del Sud America, sono un genere che […]