Giardino arabo-ispanico

La forma stessa degli impianti irrigui delle oasi hanno dato poi origine ai giardini arabo-ispanici. La sua forma è tipica: è recintato, per lasciar fuori il deserto, è formale e livellato affinché l’acqua possa scorrere liberamente nel fossato, che idealizza e rappresenta l’oasi. Nel giardino spagnolo in particolare, il paesaggio circostante entra in qualche modo a farne parte . La Sierra Nevada, le montagne intorno, sono tenute in grande considerazione e sono come messe in cornice tra patii e porticati, saloni e arcate che dovrebbero idealizzare le tende e le palme del deserto. Il giardino spagnolo dell’Alhambra è una metafora in pietra dell’oasi, dell’accampamento nomade e dell’elemento principe del paradiso: l’acqua.
Seppur lontani nel tempo e nello spazio, i giardini spagnoli sono ancora tremendamente attuali. I moderni giardini californiani ma anche molte ideazioni europee prendono spunto proprio da loro con quelle stanze che non finiscono con i muri ma continuano tra i fiori, quei giardini che si prolungano oltre le ampissime case tutte vetri.

Schede Correlate

Giardino francese

Il giardino alla francese trovò la sua massima ispirazione nel seicento. Il momento era propizio per manifestare tutta la potenza e la nobiltà dell’epoca, glorificando la ricchezza e la supremazia […]

Giardini all´italiana

Per capire il giardino rinascimentale bisogna ricercarne le origini nella Grecia antica da cui i romani presero ispirazione. Tornati dalle loro conquiste imitarono ma senza riuscire a costruire uno stile […]

Giardino roccioso

Nei giardini rocciosi sono le piante perenni a farla da padrone, infatti le numerosissime specie alpine con l’infinita scelta di cultivar e varietà, rende la creazione del giardino roccioso un’avventura […]