Azolla filiculoides

 Descrizione

La Azolla filiculoides è una pianta acquatica galleggiante originaria delle zone tropicali e subtropicali del pianeta. Appartiene alla famiglia delle Azollaceae, e come le altre piante appartenenti a questa famiglia, anch´essa è in grado di fissare l´azoto atmosferico rendendolo biodisponibile. Proprio grazie a questa caratteristica, il suo impiego nelle colture in acqua, specialmente il riso, aumenta il tasso di crescita delle piante coltivate e nel contempo limita l´uso di fertilizzanti.

 Coltivazione

La Azolla filiculoides viene principalmente utilizzata come pianta d´acquario, gradendo una buona dose d´illuminazione e una temperatura attorno ai 25 °C. Viene anche impiegata all´esterno in laghetti o stagni anche se alle nostre latitudini più fredde c´è il rischio che muoia durante il periodo invernale. Le piccole foglie ricoperte da una fitta peluria, sono di un bel verde brillante che vira al rosso se sufficientemente illuminate; oltre che zona di riparo per i pesci, per alcuni di essi le gustose foglioline sono anche fonte di cibo.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Azollaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Verde brillante che vira al rosso se sufficientemente illuminate
Esposizione:
Gradisce molta luce
Temperature:
Attorno ai 25 °C se impiegata negli acquari
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Nelumbo

 Descrizione Appartenente alla famiglia delle Nelumbonaceae, il genere Nelumbo consta di due specie universalmente note per la loro bellezza e per la grandezza delle sue foglie. La più famosa delle […]

Nymphoides peltata

 Descrizione Pianta acquatica presente anche in Italia, nelle zone paludose o acquitrinose, appartiene alla famiglia delle Menyanthaceae. Si presenta con caratteristiche foglie galleggianti cuoriformi grandi un decina di centimetri e […]

Acorus calamus

 Descrizione Appartenente alla famiglia delle Acoraceae, è una pianta perenne acquatica caratterizzata da ciuffi di foglie di larghezza da 1 a 1,5 cm e alta dai 50 cm al metro. […]