Capparis spinosa (Cappero)

 Descrizione

Il cappero è una erbacea perenne che caratterizza l’ambiente mediterraneo: su terreni poveri, argillosi e calcarei, anche sui muri e tra gli anfratti rocciosi. Forma cespi di fusti ascendenti che lignificano con l’età, flessuosi e ricadenti o prostrati. Su questi si sviluppano le foglie ovoidali, rotonde e carnose di un bel verde lucido alternate a spine.

I fiori sono grandi con 4 petali bianchi che sbocciano in continuazione da aprile a settembre. Le bacche sono allungate e verdi, ma diventano rosse a maturazione, particolarmente profumate. I boccioli fiorali si raccolgono all’inizio della fioritura e dopo averli fatti appassire per almeno una giornata si pongono a conservare sotto sale o aceto.

In salamoia per almeno una settimana liberano l’acqua che verrà scolata e quindi si porranno nuovamente sotto sale.

Rappresentano uno degli aromi più utilizzati nella cucina mediterranea, greci e romani antichi già li utilizzavano abbondantemente. Sono l’ideale per essere abbinati a carni e pesce, ma anche per la preparazione di salse e sughi.

 Coltivazione dei capperi

Facilmente riproducibile seminandolo in primavera su terreni pietrosi o argillosi, oppure trapiantando nel giardino le piantine di capperi già formate e prodotte per esempio dai vivai che compaiono in questa pagina.

Le piante nate da seme vanno accudite sarchiandole e liberandole dalle infestanti, quindi si tagliano i rametti prima dell’inverno per favorirne la crescita più compatta. La raccolta viene eseguita dal secondo anno.

Inutile tentare di coltivare i capperi in terreni troppo fertili o umidi, desiderano sole pieno, caldo e terreno asciutto.

La coltivazione in pianura padana o al nord riesce bene solo sui muri a secco meglio esposti al sole e dove le minime invernali non oltrepassino lo zero.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Capparaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Crocus sativus

 Descrizione Il nome deriva dal greco Kròcos, ovvero trama di tessuto per la forma degli stimmi. Più comunemente viene utilizzato il nome volgare Zafferano. Si riconosce per le foglie lineari, […]

Borago officinalis

 Descrizione Il nome ha origine dal latino “borra”, ossia dal fogliame e gli steli ruvidi come lana. Si riconosce per il gambo (caule) peloso e pungente, per le foglie ovali, […]

Salvia officinalis

 Coltivazione La Salvia officinalis è la capostipite di innumerevoli varietà oggi reperibili nei vivai; le specie presenti nel mondo sono più di 900.  La salvia è un suffrutice che raramente […]