Coriandrum sativum (Coriandolo)

 Descrizione

Il nome deriva dal greco “Koris”, ovvero cimice, per l’intenso odore (per alcuni sgradevole) di cimice dei suoi frutti e delle foglie. Volgarmente viene detto erba cimicina. Spesso lo si rinviene negli incolti o lungo i fossi un po’ in tutta la penisola. Si riconosce facilmente oltre che dall’odore anche per i fusti ramificati alti anche 70 cm che portano foglie pennate con lacinie strette.

I fiori bianchi e piccolissimi sono riuniti in ombrelle rade. Seguono frutti globosi (alcuni li chiamano impropriamente semi) che contengono i veri semi e che al momento della maturazione perdono l’odore sgradevole.

I semi di coriandolo si utilizzano soprattutto in cucina per la preparazione di salse, sughi, sottaceti, selvaggina, biscotti, liquori e digestivi. Inoltre vengono impiegati in ambito erboristico come antisettico, antispasmodico, aperitivo, carminativo, eccitante, eupeptico e disestivo.

 Coltivazione

Generalmente è preferibile la riproduzione da seme in vivaio, meglio se in cubetti di torba o in alveolati. Quando la plantula raggiunge i 3/5 cm di altezza è pronta per il trapianto (aprile) che deve avvenire in pieno campo distanziandole di 20-30 cm sulla fila e 40 tra le file. La semina può avvenire anche in pieno campo è quindi si ricorre al diradamento per distanziare le plantule. La raccolta avviene nel mese di luglio, senza attendere che la maturazione si protragga troppo a lungo altrimenti i frutti si distaccano facilmente, cadendo a terra. Quindi si riuniscono in mazzi e si pongono ad essiccare a testa in giù, all’ombra e in un luogo areato. Successivamente si mondano dalle impurità e si conservano in sacchetti di carta o tela, in luogo asciutto e buio.

Caratteristiche in breve
Famiglia:
Apiaceae
Fiori:
Dimensioni:
Irrigazione:
Concimazione:
Foglie:
Esposizione:
Temperature:
Terreno:
Potatura:
Curiosità:
Schede Correlate

Pimpinella anisum

  Descrizione  Pianta annuale alta circa 60/80 cm, facilmente riconoscibile per il fusto cavo all’interno e striato. Le foglie sono poste nella parte alta della pianta, finemente incise, mentre quelle […]

Coriandrum sativum

 Descrizione Il nome deriva dal greco “Koris”, ovvero cimice, per l’intenso odore (per alcuni sgradevole) di cimice dei suoi frutti e delle foglie. Volgarmente viene detto erba cimicina. Spesso lo […]

Allium sativum

 Descrizione Forse la regina delle piante aromatiche, appartiene alla famiglia delle Alliaceae, anche se alcuni botanici lo inseriscono tra le Liliaceae. Quindi uno dei principali ingredienti aromatici della cucina rientra […]